cook

La mia piadina dei “senza”

“..Con le tue mani domi la pasta e poi l allarghi e spiani;ed ecco è liscia come un foglio e grande come la luna…si rigonfia in bolle: e l odore del pane empie la casa..” G.Pascoli

Erano giorni che mi ripromettevo di pubblicare la ricetta della mia piada “dei senza”: senza glutine (ovvio), senza strutto e pure senza lievito (dopo l esperimento fallito di quella con lievito di birra , buona si certo, ma che mi costò l irritazione cutanea per 10 gg,  provocandomi prurito e confermandomi che sono allergica pure al lievito di birra…). Ho recuperato le foto che nel mio smartphone Avevo scattato ancora mesi una sera, fa dopo averla impastata, fatta riposare e cotta sulla piastra e infine farcita e presentata come cena a Chicco, (che ha gradito!). La ricetta,trovata sul web, è di una facilità estrema. Semplici sono gli ingredienti come pure la preparazione. Ciò che serve per cucinare l alimento più genuino del mondo: il pane. E la fragranza è la stessa .Sa di buono, di grano scaldato dal sole generoso di luglio, di semplicità e di amore per le cose fatte bene, quelle che nutrono veramente. Non prevede l uso di alcun tipo di lievito (quindi è una ricetta trasversale adatta alle persone con intolleranze), bensì una punta di bicarbonato che assicura l effetto “wow” delle bolle che caratterizzano la classica piadina romagnola. Fragrante, morbida al punto giusto  e decisamene croccante , sarebbe già buona così da sola, ma se farcita è uno sfizioso spuntino, o un goloso apericena da condividere con gli amici. Seguendo il fil rouge della genuinità degli ingredienti ,io ho deciso di farcirle con stracchino e rucola, la prima cresciuta spontaneamente a ridosso del mio orto; verde, tenera, con quel profumo inconfondibile che ancor prima dell inizio della primavera, mi accompagnerà poi per tutta l estate.

Ingredienti per 4 piadine: 250 gr farina mix per pane senza glutine schar, 50 ml di olio evo, circa 200 ml di aqua a temperatura ambiente, un pizzico di sale e uno di bicarbonato.

Preparazione: versare la farina il sale e il bicarbonato in una ciotola aggiungere l olio e piano piano l acqua stemperando per bene e mescolando il tutto fino a formare una palla bella elastica, vedete voi se è il caso di aggiungere altra acqua, dipende molto dal tipo di farina che usate. Lasciate riposare un paio d ore (io ho atteso un pomeriggio per comodità..) .Dividete la palla in 4 palline uguali e stendete con un mattarello fino ad ottenere un disco liscio e sottile. Aiutatevi con due strati di carta forno , evitando di usare altra farina da spolvero. Sulla piastra ben calda adagiate una piada per volta e giratela ogni 5 minuti sui due lati. Vedrete formarsi le classiche bolle che rendono la piadina unica! Una volta pronta farcite a piacere io ho scelto la mia rucola, primizia del mio orto, abbinandola al  tradizionale stracchino.  Le piade si possono conservare in frigo per un paio di giorni.

Daniela

Foto mie

20 pensieri riguardo “La mia piadina dei “senza”

  1. Ciao pure io avendo svariate intolleranze alimentari tra le quali anche il glutine, ne realizzo una con la farina di quinoa e devo dire che viene anche la mia buona e croccante ma senza naturalmente togliere nulla alla tua. Buona giornata.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...