beauty & outfit

green Christmas

“Il luminoso, il forte, l’accogliente verde che ogni giorno recita il mantra della vita e dice bosco e prato e foglia e altre parole che noi non vogliamo più udire. Solo i bambini e gli animali sanno ancora quanto è verde il verde.” (Fabrizio Caramagna)

Natale verde. E che sia un Natale verdissimo per tutti. Verde nel senso più intimo del termine, all’insegna della semplicità e soprattutto del  rispetto e della valorizzazione della natura che ci sta accanto.

Verde come gli abeti, i rami d’agrifoglio e il muschio che per questo Natale dovrebbero essere i nostri migliori alleati per le mise en place della cena della vigilia o del pranzo del 25 dicembre.

E chi è stanca di vestirsi di rosso, oro e bianco per il Natale, può optare per il verde e il suo universo  di gradazioni (dal bosco, al bottiglia fino al verde inglese, una sfumatura scura ed elegantissima che trae ispirazione dalle prime gare automobilistiche quando venne assegnato all’Inghilterra proprio questo tono per riconoscere le autovetture Made in England dalle altre).

 

Un consiglio green? Non comprate quest anno la strenna da appendere alla porta: Createla da voi stesse la vostra personalissima strenna natalizia, intrecciando rami di pino o altro verde di cui disponete. E’ facile e in rete sono disponibili moltissimi tutorial che spiegano la procedura passo per passo. E, Sì ai regali home- made (with love) : biscottini o pan di zenzero fatti in casa, lavoretti a maglia o in pachwork per le più creative ma soprattutto cura e eleganza nel confezionare a mano i pacchetti. È una delle cose che preferisco del Natale, impacchettare da me ogni pensierino con carta avanzata da altri vecchi regali o utilizzando semplici pagine del giornale, bacche, fiori secchi e bigliettini scritti a mano .

Ultima  dritta green: no all albero di Natale sintetico, prediligete gli abeti caduti in montagna che hanno quel fascino di vissuto e che fa tanto bene al nostro ecosistema.

 

Daniela

Foto pinterest,ruche

Annunci

21 risposte a "green Christmas"

  1. Eccomi! Amo il verde, riempirei la casa di piante, fossero anche finte dove manca la luce, ma devo vedere qualcosa di verde, mi rilassa… a dicembre mi piace accompagnarlo all’argento, che adoro, in tutte le sue sfumature, per renderlo più algido, accostamento che uso anche nell’impacchettamento: verde, grigio e argento, il tutto condito sempre da bellissima carta stampata di giornale, spago puro e l’immancabile stecca di cannella o il fiocchetto di anice stellato! Che c’è di più bello dei pacchettini creati con la fantasia? O con i pezzetti di stoffa ricavati da un vecchio maglione ad addolcire un pensierino dal cuore? Ecco i regali che più amo, visto che mi rifiuto di farmi trascinare dalla frenesia del “che scatole, è Natale e bisogna fare i regali”! Innanzitutto dove sta scritto che “bisogna” farli, poi si fanno con il cuore e, in tutta onestà, io vivo in una zona dove per decenni il regali di Natale non esisteva a favore del più gettonato S.Nicolò (che guarda caso cade oggi), allora cuocio delle confetture carine, sforno biscotti speziati, li decoro con le stelline di zucchero e tutto ha un’altra forma, riprende le misure della tradizione, quella vera che sa di cannella e del verde dei boschi. E mi sento meno Grinch 🙂 e più amante della tradizione.
    Un abbraccio!

    Mi piace

    1. siamo perfettamente in sintonia Tatiana:) anch io riciclo carte pezzi di stoffa per i pacchettini …troppo belli e unici… cucino di solito le pastefrolle di santa lucia che qui nella mia verona sono tante in voga al 13 dicembre….mentre per il dolce di natale non so ancora…credo che se non avrò tempo dovrò accontentarmi del pandoro gluten free della bauli (non inorridire lo so, dovrei trovar tempo per cucinare qcs con le mie manine..ma tra lo spezzatino, contorni e lasagne al forno mi trovo sempre a contare i minuti:((((

      Piace a 1 persona

  2. Hai ragione, se per Natale fossi nella mia casa di montagna andrei a prendere uno degli abeti caduti con la catastrofe di novembre nel bellunese. Qui in citta’ da 30 anni uso sempre lo stesso abete (ecologico!!!= sintetico) non inorridire!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...