beauty & outfit · decor

colle noire

634589319053263341223c73712825c7.jpg“..Ho trascorso l’intera giornata tra i filari del mio vigneto, intento a controllare la futura vendemmia, fino a quando la sera mi ha costretto a rientrare…”  C.Dior

L’uomo che ho scelto di presentarvi per il mese di giugno è Monsieur Christian Dior. Ma siccome non basterebbe un post per parlarvi di uno stilista che ha fatto la storia della moda, mi limiterò a raccontarvi del suo chateau e di come nasce il suo  ultimo  profumo.

168460a17f0504db068afa700158741c.jpgSi tratta di : Château de La Colle Noire, dimora con parco che domina la pianura di Montauroux (a 18 chilometri da Grasse), da poco  restaurato dalla Maison Dior. L’operazione Dior – acquistare il castello nel 2013 e completare i lavori di restauro cominciati nel 2015 – ha permesso di realizzare il sogno provenzale di Monsieur, a cui lo Château è realmente appartenuto dal 1951 al 1958, quando è stato venduto un anno dopo la sua morte. Un luogo  dove  l’artista ha trovato rifugio durante la guerra e dove ha trovato l’ispirazione, grazie ai loro fiori, per la creazione delle sue più iconiche fragranze (Miss Dior, Diorama, Diorissimo, Eau Sauvage).d91a4bcd5912026804b06be669482591.jpg

Particolare attenzione è stata dedicata, quindi, alla ricostruzione del grande giardino dello Château de La Colle Noire. Un laboratorio olfattivo all’aperto, disseminato di fiori da profumo: mughetti, iris e rose di Maggio o di Grasse. Tra i vigneti e gli ulivi, i mandorli e i ciliegi crescono graminacee e piante spontanee.

Ogni estate, dopo la sfilata della sua collezione di haute couture, Christian Dior lasciava Parigi per il sud. Alla Colle Noire, le giornate dello stilista-profumiere sono vere e proprie lezioni di dolce vita.

a651085755e3b32f55e644583a3b0a1a.jpgNel  momento più caldo della giornata lo stilista si isolava per lavorare. Nel suo ufficio o all’ombra degli alberi del giardino, Christian Dior cercava l’ispirazione per una futura fragranza annusando il profumo delle rose e dei gelsomini coltivati nei dintorni, o immaginava le creazioni di haute couture della stagione successiva. Verso il tramonto nella tenuta, una ventina di operai lavorano tra vigneti e fiori profumati. Christian Dior amava camminare tra queste colture indossando un cappello di paglia sulla testa.809104cc387b5774d7f9df7665d7195f.jpg

ba4d52837d6b774f728c8f4cb2a45b1eRestaurando l’edificio, la Maison Dior si è impegnata a portare avanti questo sogno architettonico, non soltanto riproducendo identiche le stanze che lo stilista aveva decorato in vita ma anche realizzando quelle che aveva immaginato. Le suite portano il nome degli artisti che amava, alcuni dei quali hanno soggiornato alla Colle Noire: Chagall, Bérard, Gruau, Picasso, Dalí… Per riorganizzare queste stanze o ricreare gli spazi immaginati da Christian Dior, le tonalità delle vernici sono scelte con una scala colorimetrica per corrispondere a quelle delle venature del marmo del camino, e lo stesso senso del dettaglio si ritrova nell’arredamento.o.39438.jpg

27d57cbfec273967077036dc279c4da0.jpgNasce poi un vero e proprio parfum  che racchiude tutta la magia del posto stesso: La Colle Noire di Christian Dior è una fragranza del gruppo Floreale Legnoso .La nota di testa è Limone; le note di cuore sono Spezie, Rosa di Maggio, Ribes Nero, Mughetto, Peonia, Lampone e Pesca; le note di base sono Ambra, Muschio Bianco, Sandalo, Eliotropio e Legno di Agar .Perfetta per aggiungere charme ai nostri outfit leggeri e freschi dell’estate.

Daniela

Foto pinterest,m.hesse, amica,vogue

Annunci

18 thoughts on “colle noire

  1. Io adoro i profumi, ne vengo completamente rapita dalle sfumature e la natura sa regalare moltissimo in questo senso….adoro, follemente, chi dei profumi si interessa realmente, chi li sceglie, li scopre, si lascia ammaliare e non si limita soltanto a piazzare un marchio in bella vista.
    Un profumo è emozione, sapere che ha delle radici, non può che essere una emozione positiva 🙂

    Liked by 1 persona

  2. Questo tuo articolo lo giro a mia sorella (lavora in profumeria) sarà super aggiornata. Grazie.Evviva i profumi,evviva la natura. evviva il bene che si sta passeggiando (all’asciutto 😉 bhè a pensarci, anche il profumo di bagnato, muschio,sottobosco,…) in mezzo ad un prato fiorito.Grazie del tour cherie!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...