ARTS & BOOKS

the atlas of beauty

0d8bd634778a380d122084f67f43233a.jpg“Strappare la bellezza ovunque essa sia e regalarla a chi mi sta accanto. Per questo sono al mondo.” A. D’Avenia

Ho sempre sostenuto che la bellezza è una delle poche cose che possono fare la differenza nel mondo:la bellezza  lo ingentilisce, lo rende migliore, un posto dove valga la pena di vivere.  Non è frivolezza la mia, poiché non mi limito a intendere la bellezza come valore puramente estetico e fisico, ho un concetto di bellezza in testa a 360 gradi, bello è qualcosa che non ha età, non ha nome, non ha confini, è ciò che sa emozionare che sa stupire che sa commuovere e che affascina irrimediabilmente.51udyLNso3L._SX385_BO1,204,203,200_.jpgc5b3bc6056fa52423b392e8652b13894.jpgQuando ho letto l’articolo di una fotografa che ha girato 37 paesi diversi per dimostrare che «la bellezza è ovunque», non potevo non dedicarci lo spazio di un post nel mio infusodiriso. Si tratta di una giovanissima trentenne Mihaela Noroc, che ha deciso, di sua scelta,  di far decollare un sogno nel cassetto, quello di girare il mondo, sì, ma con una mission nobile incredibilmente affascinante:  MAPPARE LA BELLEZZA. Creare una sorta di atlante di bellezza: letteralmente infatti si chiama così, The Atlas of Beauty, il progetto artistico  che sta facendo il giro del mondo (con  lei, solo il suo zaino in spalla e la sua macchina fotografica),  Un viaggio low budget iniziato due anni fa e immortalato, volontariamente, in 37 paesi diversi con un unico grande scopo: dimostrare che «la diversità prescinde da una reale decodificazione, va al di là di stili, mode e costumi e soprattutto si concretizza come si può, anche con poco o niente».c68bdde10d6039174c7020106c477356.jpg  Ho invidiato Mihaela, ho chiuso gli occhi un attimo e ho immaginato le sue tappe nei Paesi più lontani e più affascinanti del mondo, perché ho sempre creduto che non c’è esperienza più costruttiva e più vitale per l’essere umano di quella del viaggio: per conoscere e per conoscersi, per sfidarsi e per imparare anche a far pace o/e chiarezza dentro di sé e, come Mihaela scoprire con mano che lontano dal mio piccolo mondo chissà quante altre Daniela, magari con capelli e una pelle diversi dai miei, esistono con gli stessi sogni, gli stessi pensieri e gli stessi stati d’animo. (..Mai come ora vorrei chiudere tutto e partire lontano in cerca  di sfide, di nuovi capitoli ma soprattutto in cerca di risposte… Invece la realtà pone spesso l’accento sul qui e ora e sembra che la keyword, ancora una volta sia: aspettare… tempo al tempo…)

Torniamo a Mihaela e al suo grande progetto: cercare, trovare e  immortale la bellezza femminile e vederla un po’  come lo  specchio della società. Nel suo Atlas niente pose finte,  niente sorrisi costruiti e make up da dive stereotipate e già viste. Tantissimi ritratti di donne scattati nel reale ambiente di nascita delle stesse, senza troppi filtri o sovrastrutture, nella loro cultura di provenienza. Perché  la bellezza è ovunque e non è una questione né di cosmetici né di taglie. E così dalla foresta amazzonica al Tibet, da New York

New-York-USA_image_ini_620x465_downonly.jpg
ny

ai più grandi templi buddisti del Myanmar, da Oxford

Oxford-UK_image_ini_620x465_downonly
oxford

ai sobborghi di Sydney e la lontana Australia

slide_423218_5437164_compressed.jpg
australia

, dalle favelas brasiliane

slide_423218_5437220_compressed.jpg
rio de janeiro

alle moschee iraniane. Ovunque un volto così bello, sincero, immerso nella propria cultura e tradizione da dover essere conservato in uno scatto.Ecco messi in luce chiome albine e occhi di ghiaccio nelle donne del nord Europa,

Baltic-Sea-Finland_image_ini_620x465_downonly
finlandia
svizzera
svizzera
germania
germania

occhi grandi e pelle d’alabastro nelle ragazze del Europa dell’est,

slide_423218_5437208_compressed.jpg
romania del nord
Maramures-Romania_image_ini_620x465_downonly.jpg
maramures romania

passando per i tratti eleganti e discreti delle donne orientali

birmania
birmania
Shiraz-Iran_image_ini_620x465_downonly
iran

fino ai lineamenti marcati e la pelle dai toni caldi delle giovani del centro America.

cuba
cuba
El-Paico-Chile_image_ini_620x465_downonly
cile

95d33c4a723c21411845b92db4498022The Atlas of beauty: Da aggiungere alla mia wish list dei libri da avere a tutti i costi!

 

Daniela

 

 

Foto sito marieclaire,huffingtonpost , dalla pagine web di Mihaela Noroc

 

Annunci

11 thoughts on “the atlas of beauty

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...