cook · TRAVEL

i calissons di Aix

8f015850bf3ff3feba3495061b09cea6.jpgE’ tempo ormai di bella stagione e come al solito il mio pensiero va ai viaggi…per diverse circostanze che si sono venute a creare non so ancora se quest’estate io e Chicco potremo concederci il lusso di una vacanza, nel frattempo ripensavo ai viaggi fatti, al più bello di tutti, nella mia amata Provenza di due estati fa.♥download.jpg

Oggi ripercorrerò con voi una tappa provenzale chiamata: Aix en Provence, una città dove la storia fa da sfondo a una quotidianità che coniuga i piaceri dello shopping con l’allegria dei dehors e le bellezze architettoniche. Ogni fontana serba i suoi segreti, ciascun palazzo ha qualche storia da raccontare, perché la Provenza è questo e molto altro ancora…20150814_172413

20150814_172535

Ripenso  ad Aix come il luogo delle piazzette di Francia per autonomasia, con alberature fresche, l hotel de Ville, al centro la fontana e tanti locali animati da artisti di strada.20150814_181258-120150814_180807

il Corso Mirabeau è l’anima della città,  che con i suoi platani protegge il passeggio estivo dal forte sole provenzale, soprattutto in primavera ed estate. Al centro del corso  2 fontane: dalla prima sgorga acqua termale a 34 C mentre l’ultima è dedicato al Re Renato che è rappresentato con un grappolo di uva moscata in mano. Aix è ricordata anche come la città di Cezanne. Il grande pittore nacque e visse ad Aix-en-Provence buona parte della sua vita. Era nato in un vicolo della Città Vecchia, dove ancora oggi si può vedere la casa natale. Si trova al 28 di Rue de L’Opera, alla fine del Corso Mirabeau. Il padre aveva un negozio di cappelli, di cui ancora oggi si può ammirare l’insegna al N. 55 del Corso Mirabeau. L’Atelier di Cezanne, rimasto così com’era al momento della sua morte, è fuori dal centro storico ma a soli 500 metri dalla cattedrale.

dc69aba2f6081ce285a169bd959f5fec Come ogni città che si rispetti Aix ha il suo dolce tipico: I calissons d’Aix en Provence sono probabilmente i biscotti provenzali più conosciuti. Si tratta di dolcetti a forma di losanga fatti di Un impasto di mandorle dolci e melone candito, ricoperto di glassa: secondo i maestri pasticceri, il segreto del fantastico gusto dei calissons è merito della mandorla dolce di Provenza e della morbidezza di meloni e arance candite bagnati nello sciroppo ed utilizzati per la preparazione.calisson_ambiance1Secondo alcune fonti i calissons sono stati importati in Provenza a metà XV secolo ed affinati da un cuoco di re René in occasione del pranzo di nozze per il secondo matrimonio del re.Ma è solo nel secolo successivo che verrà introdotta la mandorla in Provenza, favorendo così lo sviluppo ed il commercio di questa prelibatezza di Aix .CRR-boutique-4-1170x630

Un indirizzo piuttosto rinomato per fare razzia di calissons è la Confiserie du Roy René . Info per i più golosi: Il negozio si trova in centro città al 13 di rue Gaston de Saporta.

IO li ho mangiati soltanto una volta, nel lontano 2001 nel mio viaggio a Nizza con Anna, deliziosissimi , mentre non ho potuto ripetere l’esperienza nel mio viaggio in Provenza nel 2015, a causa della mia celiachia e della paura delle contaminazioni.

Vi è venuto un languorino o un po’ di  voglia di viaggiare???

Daniela

Foto mie  di Aix, foto dei calisson da pinterest , un coeurenprovence,e dal sito confiserie du roy renè

 

Annunci

30 thoughts on “i calissons di Aix

  1. Ad ogni vacanza in Provenza facciamo tappa ad Aix e credo proprio di aver pranzato nel posto della tua prima foto. I dolcetti meritano e verrebbe voglia di fare scorte insensate… i tuoi post mi fanno ricordare cose belle! 😊

    Liked by 1 persona

  2. Che bello questo post mi ricorda il film Chocolat! Mi piace quando scrivi dei tuoi viaggi! Io sogno da una vita di andare in Provenza, ma quest’ anno per i motivi che ben conosci Frank ed io non faremo vacanza!! Un abbraccio

    Liked by 1 persona

  3. Che bella la Provenza. Ricordo con molto piacere il viaggio che lì facemmo Max ed io qualche anno fo. Sai che quei dolci tipici non li conosco? Fra l’altro assomigliano – nella forma – ai ricciarelli. Spero che per voi le cose si sistemino presto per il meglio…

    Liked by 1 persona

      1. In effetti non mi trovo molto bene con i francesi almeno con quelli con cui ho avuto degli incontri, penso che facciano finta spesso di non capirti e non si sforzano nemmeno, come faccimo noi , quando incontriamo qualche straniero in Italia.

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...