ARTS & BOOKS

nel giardino della baronessa Vita

5db18958f4769e4610c58dec664c7573
sissinghurst castle

Un sepalo, un petalo e una spina in un comune mattino d’estate, un fiasco di rugiada, un’ape o due, una brezza, un frullo in mezzo agli alberi, – Ed io sono una rosa!”. EMILY DICKINSON

Bentornate/i,

se vi è piaciuto il libro del Giardino di Virginia woolf credo che apprezzerete quello che sto per presentarvi oggi….Infatti vi propongo un delizioso spunto di lettura che vi accompagnerà verso l’estate se siete amanti dei giardini e più in generale della campagna e dei castelli stile inglese.

cop.jpg

Chi scrive  è un istrionica donna bizzarra  e scostumata ma geniale: VITA SACKVILLE- WEST, e il libro in questione e : IL LIBRO ILLUSTRATO DEL GIARDINO (Elliot ed.)

 

Per circa quindici anni  la baronessa Vita Sackville-West  nel suo splendido giardino del castello (acquistato con il marito Nicolson) di Sissinghurst nel Kent coltivava ben 123 varietà di rose .

b8cf7b1c2576ef130c146363a22ff37f
giardino del  castello

Tenne una rubrica settimanale di giardinaggio sull'”Observer” che incantò migliaia di lettori. L’eleganza della sua scrittura e la sua competenza sull’argomento, testimoniata dal magnifico giardino rendevano le sue osservazioni e i suoi consigli estremamente autorevoli, impreziositi da allusioni letterarie e da un’aura romantica. Alcuni le mandavano progetti, idee, semi e regali, e a loro la scrittrice rispondeva inviando a sua volta piante e sementi, in uno scambio ideale che fu come un’opera a sé, un corpo mobile in continua evoluzione. Tutti gli articoli furono pubblicati successivamente in quattro volumi, mentre una selezione viene qui presentata e suddivisa secondo i dodici mesi dell’anno, con le illustrazioni di Freda Titford e le fotografie realizzate da Ken Kirkwood a Sissinghurst.

by william strang.jpg
vita by w. strang

VITA era scrittrice di romanzi e biografie, famosa per la sua tempestosa relazione con Vanessa Woolf,

023ac352b59eb609bbe04bfb7f776378.jpg
vita e virginia

insieme al marito Harold Nicolson (bizzarro il loro matrimonio poiché entrambi erano attratti da persone dello stesso sesso) diplomatico, giornalista, membro del Parlamento negli anni trenta  aveva creato il grande giardino di Sissinghurst Castle. Uno dei più amati giardini d’Inghilterra che fortunatamente è rimasto immutato nella sua bellezza originaria e richiama oggi  visitatori da tutto il mondo, composto da più stanze, ognuna caratterizzata da un colore o da un tema circondate da alte siepi, ora gestito e curato dal National Trust (sotto alcuni particolari del giardino).


Ho scelto di parlare di questo libro non perché io sia una grande fan di Vita Sachville West bensì per la sua grande amicizia  con la mia scrittrice preferita , Virginia Woolf. Virginia la conobbe nel 1922, la fece entrare nel gruppo di Bloomsbury, quel gruppo artistico-letterario nato nel 1905 a Londra, i cui membri si riunivano in case private nel quartiere da cui prese il nome e che durò fino alla seconda guerra mondiale. A lei dedicò Orlando (1928), trasfigurazione letteraria del loro amore. Sepolto nel libro, quest’amore finì pochi mesi dopo la sua pubblicazione.

d71caae9531c509200e78a168e9bfca0.jpg
tilda swinton nel film orlando

L’aspetto di Vita forse meno conosciuto, e che me la fa piacere di più  è legato alla sua passione per il giardinaggio. Ne è stata veramente una grandissima esperta, molte sono infatti le foto d’epoca che la ritraggono in tenuta da lavoro con abiti comodi, zappe o vanghe in mano in compagnia dei suoi fidati cani.

 

«un giardino “grigio e bianco”, un mare di cespi dal fogliame grigio, intervallati qua e là dagli alti fiori bianchi…le bianche trombe di gigli regali, tra il grigio dell’artemisia e della santolina, con il Dianthus “Mrs Sinkins” e le coltri argentee di Stachis lanata, più familiare e più simpatica con i nomi inglesi “orecchia di coniglio” o “pezzuola del Salvatore”. Ci saranno viole del pensiero bianche e peonie dello stesso colore, e iris bianchi dalle foglie grigie…»

Al prossimo post

Daniela

Annunci

19 thoughts on “nel giardino della baronessa Vita

  1. Ma sai che ne sono stata rapita? Non conoscevo questa autrice ma dalle sue parole e dalle foto che hai condiviso, io che sono rinomata per avere il pollice nero, credo che prenderò spunto da questa lettura interessante. Grazie per avercela proposta…la mia preferita la prima in alto a sinistra nel riquadro a 4 😉

    Liked by 1 persona

  2. che belli i tuoi post! questo non l’avevo letto. Non sapevo di questa sua passione. La natura, se glielo permetti, riesce sempre a svegliare la nostra parte più intima e creativa… è una cura per l’anima che come per magia torna a sbocciare. Andrò sicuramente a curiosare tra le pagine di questo libro! Grazie!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...