beauty & outfit

shoes addiction

images.jpg
carrie e le sue scarpe

 

Tutto ciò che serve nella vita è un uomo accanto a te e un paio di tacchi sotto di te.
(Sarah Jessica Parker, as Carrie Bradshaw,)

se anche voi come Carrie condividete la “passione “ per le shoes,  oggi  vi parlo di una  Mostra di Fashion Illustration interamente dedicata ai bozzetti di scarpe – Dal 14 marzo al 30 aprile 2016 : Infinite Shoes   presso il  Fidenza outlet Village….

0359d917-cfb4-417f-b147-a6117a82d855.JPG

Un’ utile e piacevole  mostra collettiva di fashion illustration contemporanea   dedicata alla storia delle scarpe, per trovare l’ispirazione giusta prima degli acquisti.

264894bf-082d-4651-ba16-0476358028a8.JPG

L’esposizione è visibile per le vie del villaggio e coinvolge  gli ospiti indirizzandoli tra le oltre 100 boutique presenti a trovare il proprio paio di scarpe preferito, quello che più di tutti è capace di esprimere il proprio stile. Il tutto grazie ai consigli di moda della stylist jamaicana  Tamu McPherson.

fab2896d-f917-4575-8f90-93bdf9761224.jpg
tamu mc pherson

Gli artisti coinvolti nel progetto sono nomi del panorama italiano ed internazionale, tra cui Lucia Emanuela Curzi, fashion illustrator freelance e film maker  che ha esposto al Victoria and Albert Museum di Londra

lucia emauela curzi.jpg

La Fille Bertha ,  illustratrice e street artist sarda che ha collaborato con numerose riviste di moda.

Le “infinite scarpe” esposte a Fidenza Village sono  nature morte chic à la page e contemporanee nelle svariate linee,  capaci di svelare le passioni segrete e i desideri di oggi. eccone alcuni esempi:

0cd4b473-1b0f-47aa-8062-a3386677402f5233c060-9fd3-431d-be3b-e85b6f6f8264

Tale idea prosegue idealmente il progetto di Andy Warhol, il primo ad interpretare in modo seriale l’archetipo platonico della calzatura. Fu infatti Negli anni’50 che  realizzò tre raccolte di serigrafie con soggetto la scarpa: Golden ShoesÀ la Recherche du Shoe Perdu e Diamond Dust Shoes. L’intento era di innalzare un oggetto comune come la scarpa allo status di oggetto artistico secondo i principi del ready-made e le regole dall’arte commerciale, la Pop Art. A questo scopo le scarpe rappresentate erano estremamente preziose, pregiate, dedicate alle più importanti celebrities dell’epoca (come nella raccolta Golden Shoes), accompagnate da versi storpiati (À la Recherche du Shoe Perdu) oppure rappresentate e ricoperte dalla polvere di diamanti (Diamond Dust Shoes).

andy.jpg

Al prossimo post

Daniela

Annunci

16 thoughts on “shoes addiction

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...